top of page

Estintori a polvere

Aggiornamento: 19 giu 2023



Come agisce l’estintore a polvere?

Gli estintori a polvere spengono il fuoco per soffocamento: le polveri si decompongono nelle alte temperature dell’incendio, danno vita a reazioni chimiche che portano alla produzione di anidride carbonica e vapore acqueo, infine, i prodotti della reazione separano combustibile da comburente.


Estintore a polvere composizione

Estintori a polvere: ecco tutti i tipi di polveri sul mercato estintori polvere

Polveri Monovalenti : costituite prevalentemente da bicarbonato di sodio e di potassio e da solfato di potassio. Sono idonee per incendi di classe B-C e di apparecchiature elettriche in tensione.

Polveri Polivalenti : costituite generalmente da solfato d’ammonio e di potassio e da fosfato di ammonio. Sono idonee per incendi di tipo A-B-C e da apparecchiature elettriche in tensione. Sono quelle più usate.

Inerti : costituite da prodotti inerti quale grafite, cloruri alcalini, e sono idonee per incendi di tipo D.


Durata degli estintori chimici a polvere

La durata dell'estintore a polvere secca è di 36 mesi, oltre i quali l'estintore deve essere sostituito o revisionato. La gestione dell'agente estintore è una delle maggiori preoccupazioni per chi possiede tali estintori. Infatti, associato al possesso di questo tipo di estintore è il corretto utilizzo e il corretto smaltimento. Negli ultimi anni, e soprattutto durante questa crisi, abbiamo assistito ad un aumento dei sinistri legati alla cattiva gestione degli estintori: mancata sostituzione e smaltimento degli estintori, discariche abusive di estintori.



Ecco i pro e i contro degli estintori chimici a polvere:

Pro estintore a polvere

  • Estintore professionale a polvere secca molto efficace nell'estinzione del fuoco

  • Economia

  • multiuso (possiamo usarlo in molte situazioni)

  • Per estintori a polvere sporcare tutto l'ambiente in cui viene utilizzato

Contro estintore a polvere

  • sporca l’intero ambiente dove si usa

  • scarsa visibilità durante l’utilizzo

La polvere estinguente è molto popolare perché è molto efficace ed economica. Il suo effetto estinguente è prodotto dalla pirolisi che realizza sul fuoco. Crea quindi sulla fiamma un effetto chimico anticatalitico dovuto ai gruppi attivi. I prodotti di decomposizione della polvere separano quindi gli ossidanti dal carburante, raffreddando il carburante e inibendo il processo di combustione.

La polvere estinguente è leggermente irritante per le vie respiratorie e la pelle. Anche se nella scheda di sicurezza non viene evidenziato alcun pericolo particolare, è sempre consigliabile aerare il locale dopo l'uso. Una volta che la polvere si è depositata, è sufficiente raccoglierla con un aspirapolvere. Durante questa operazione è sempre consigliato indossare tute, guanti e mascherina antipolvere per proteggersi.


Prima di utilizzare l’estintore a polvere accertarsi che:

  • l’estinguente contenuto sia compatibile e adatto alla classe d’incendio da attaccare;

  • l’effettiva pressione di carica attraverso il manometro “se presente”;

  • controllare la mancanza di eventuali manomissioni su tubo, lancia, sigillo di sicurezza;

  • scuotere per un paio di volte l’estintore per eliminare se presenti eventuali principi di costipamento della polvere.




30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page